TESTIMONIAL Giallo Ferrara: Marcello Simoni, maestro del giallo e del mistero

bannerarticolo5

GialloFerrara ha un testimonial d’eccezione: Marcello Simoni, maestro del giallo e del mistero

Ha voluto esserci. Nonostante l’agenda fittissima di appuntamenti che lo vedono impegnato in questi giorni nel lancio del suo nuovo romanzo “IL MARCHIO DELL’INQUISITORE” (Einaudi Stile Libero), Marcello Simoni ha partecipato con entusiasmo alla conferenza stampa di presentazione di GialloFerrara in Comune e farà il possibile per “#SeguireIlGiallo” (#FollowTheYellow) dall’11 al 13 novembre.

È questo il suo caloroso incoraggiamento all’Associazione Gruppo del Tasso nell’impresa “GialloFerrara”, da lui sostenuta fin dalla prima edizione: “Non posso che essere orgoglioso di essere stato scelto come testimonial dai ragazzi di GialloFerrara, e fiero dell’entusiasmo profuso nel realizzare questa catena di eventi – ha osservato lo scrittore -. I festival letterari, ma questo in particolare, rappresentano un fenomeno culturale e di intrattenimento in continua crescita negli ultimi anni. Si tratta quasi di un’ondata di ribellione, una controtendenza rispetto alla tv spazzatura e al disinteresse verso la lettura che dilaga, purtroppo, in Italia. Le iniziative dedicate a far apprezzare gli universi della narrativa, e della creatività in generale, infondono nuova linfa non solo agli ambienti degli ‘addetti ai lavori’, ma anche alle città che le ospitano e a tutto ciò che ruota intorno a esse”.

Sono sempre stato un sognatore – racconta Marcello -. Fin da bambino ero affascinato dalle storie: i cartoni animati erano il mio materiale narrativo preferito. Il primo libro è stato ‘Pinocchio’, un libro suggestivo che ancora mi sorprende per la sua complessità. Poi ho letto “Ventimila leghe sotto i mari” di Verne, e i libri di Dumas, Conan Doyle, Salgari: lì hanno iniziato a prendere forma i miei gusti di lettore”.

Classe 1975, nato a Comacchio, Marcello Simoni è scrittore applaudito in tutto il mondo e tradotto in diciotto lingue. In pochi anni ha venduto 20 milioni di copie, eppure ha preservato intatta la sua autenticità, la sua disponibilità e la sua gentilezza d’animo.

E soprattutto la sua passione per la scrittura il noir, per il mistero, per la ricerca della “verità”.

Diventando scrittore, Marcello ha realizzato il suo sogno.

Prima di dedicarsi completamente alla scrittura, Marcello Simoni ha lavorato nella biblioteca del seminario arcivescovile ferrarese, scoprendo, nei volumi dell’antichità, un universo. Firmava saggi storici, ma sentiva il bisogno di raccontare qualcosa di suo. Scrisse così il suo primo romanzo – “Il mercante di libri maledetti” – e lo inviò alle massime case editrici italiane, ma senza ricevere risposta. A sorpresa, dopo un anno, il primo contratto arrivò da una casa editrice spagnola. Il romanzo uscì in Spagna nel 2010 e vendette seimila copie: a quel punto l’editore Newton Compton lo lanciò in Italia.

Nel 2011 “Il mercante di libri maledetti” ha conquistato il secondo posto nella classifica dei libri più venduti in Italia. Un successo straordinario, grazie al quale Simoni ha vinto il Premio Bancarella 2012 . Nel 2013 “L’isola dei monaci senza nome” ha vinto il premio Lizza d’oro. Il 2 luglio 2015 Marcello Simoni ha pubblicato quindi “L’abbazia dei cento delitti”, romanzo primo in classifica con un milione di copie vendute.

inquisitore

Ferrara avrà il privilegio dell’anteprima nazionale de “IL MARCHIO DELL’INQUISITORE”, il suo nono romanzo, fresco di stampa per Einaudi Stile Libero che sarà presentato da Matteo Bianchi, il prossimo 15 novembre, alla libreria Ibs+Libraccio.

La squadra GialloFerrara non può che essere fiera di un testimonial straordinario come Marcello Simoni.

conferenza-simoni

Se gli impegni per l’imminente uscita del romanzo glielo consentiranno, Marcello parteciperà con piacere a qualche appuntamento organizzato a GialloFerrara, per incontrare autori amici e per apprezzare ancora una volta la bellezza misteriosa della nostra città: “Ferrara è affascinante, artistica, a misura d’uomo – sorride l’autore -. È una città perfetta per…ospitare delitti!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *